Falco serpentario

NOME COMUNE:
Falco serpentario
NOME SCIENTIFICO:
Sagittarius serpentarius
ORDINE:
Falconiformes
FAMIGLIA:
Sagittariidae
DESCRIZIONE: 
E’ un uccello con un’apertura alare di 210 cm, un'altezza di 125-150 cm ed un peso di 2-4 kg
DISTRIBUZIONE:
Vive nelle praterie e nelle savane dell'Africa sub-sahariana.
ALIMENTAZIONE: 
Si nutre di grossi insetti, piccoli mammiferi, rettili, uccelli, uova ed occasionalmente anche di carogne.
RIPRODUZIONE: 
Depone mediamente 2 uova e l’incubazione dura circa 45 giorni.
CURIOSITA’:
Il Sagittarius serpentarius è l’unico rappresentante della famiglia dei Sagittariidae.
Il becco e le zampe di tutto l'ordine dei Falconiformes hanno un ruolo fondamentale per quanto riguarda la caccia. Il serpentario, infatti, uccide le sue prede colpendoli con il becco, per poi schiacciarle a terra con le zampe.
Durante la lotta, i serpentari tengono erette le lunghe penne del capo ricordando un segretario, come può anche venire chiamato, allusione all'abitudine degli impiegati di un tempo di portare la penna dietro l'orecchio.
Questo volatile ha una struttura corporea singolare per un rapace: caratterizzato da collo e zampe incredibilmente lunghe, munite di dita corte e robuste, il falco serpentario è un mediocre volatore (si alza in volo molto raramente), ma un instancabile camminatore ed un agile corridore (può raggiungere la velocità di 50 km/h), che perlustra a passi lenti la savana in cerca di rettili di cui si nutre.
Il serpentario, infatti, e' l'unico rapace che cammina e caccia al suolo e non avvista la sua preda in volo e per questa sua abitudine così strana, gli ornitologi si sono chiesti a lungo se il serpentario sia veramente un rapace o se piuttosto appartenesse alla famiglia delle otarde, ovvero un gruiforme.
I robusti artigli e le lunghe zampe sono le sue migliori armi di offesa. Queste ultime sono protette da resistentissime scaglie che lo difendono dai morsi, anche velenosi, delle sue prede, in particolare i serpenti, da cui prende il nome.
Il maschio durante il periodo dell'accoppiamento si esibisce in forti grida e animati voli per impressionare la femmina. Dopo l'accoppiamento, i 2 serpentari costruiscono un nido di circa 2 metri di lunghezza per un altezza di 30 cm in cima agli alberi, in particolare quelli di acacia, che utilizzeranno per diversi anni.